Ci ha lasciato a 62 anni, per COVID contratto svolgendo la propria attività, il dottor Stefano Brando, perugino, medico di famiglia.

L’ennesima vittima tra i camici bianchi del nostro paese, in questa lotta contro il COVID, la prima tra gli iscritti al nostro Ordine professionale.

Un facile luogo comune vuole che scompaiano sempre i migliori ma in questo caso gli aggettivi che si possono usare per il nostro collega non sono certamente di circostanza: generoso e sensibile, preparato e affabile, mite e disponibile, aggiornato e sempre in prima linea.

Laureato a Perugia nel 1984, Specializzato in Medicina dello Sport a Siena nel 1987 e in Cardiologia a Perugia nel 1991, svolgeva la sua attività di medico di Medicina Generale nello studio di Via Martiri dei Lager, nel capoluogo.

Attivo nelle organizzazioni della Medicina Generale (FIMMG e SIMG) faceva parte della Associazione Funzionale Territoriale di Madonna Alta ove era apprezzato per le sue doti professionali e di calda umanità.

Come è stato scritto da chi lo conosceva bene: “ Era sempre gentile e sorridente, pronto a scambiare un saluto e una battuta. Caro Stefano, ci mancherà il tuo sorriso buono, lo sguardo dolce e leale di una persona per bene

torna all'inizio del contenuto